Google+ Rimedi naturali salute: La dieta vegetariana favorisce il cancro

19/06/16

La dieta vegetariana favorisce il cancro

Pericolo modificazione DNA con dieta vegetariana vegana

A quanto sembra da nuove scoperte sul DNA, una dieta prettamente vegetariana favorirebbe la crescita del cancro, vediamo nello specifico.


Dieta vegetariana non fa bene


Nonostante tutti i proclami salutisti dei gruppi che seguono la dieta vegetariana, sembra da quanto appare da nuovi studi sul DNA di chi segue questa dieta, che non sia proprio verissimo che mangiare vegetariano faccia vivere più a lungo o restare in salute, megli che con altre diete.

Appare ovvio, da uno studio recente della Cornel University di New York, che tutti coloro che seguono una dieta prettamente vegetariana o vegana protratta a lungo, subirebbero una modificazione del proprio patrimonio genetico che aumenterebbe il rischio di cancro.

La questione è che la dieta alimentare vegetariana ricca di vegetali ma povera di grassi polinsaturi, come quelli contenuti nel pesce ad esempio, facilterebbe l'insorgenza di tumori.

Seguendo un regime alimentare vegano o vegetariano, apparirebbe una mutazione genetica chiamata rs6669896, localizzata in una particolare zona del DNA, il quale ha come compito quello di produrre acido archidonico, acido che se unito a una dieta prettamente vegetariana e povera di grassi Omega 3, produrrebbe uno stato infiammatorio cronico dell'organismo.

Questa infiammazione farebbe partire, con tempi differenti da soggetto a soggetto, una serie di malattie degenerative, oltre a favorire l'insorgenza di diverse forme di cancro. 

Alcuni specifici cancri che verrebbero a formarsi sono quello del colon e tutte le malattie cardiovascolari in sostanza tutte quelle per le quali erano implicate le proteine animali.

Tra l'altro un'altra ricerca che ci viene dalla Medical University di Graz in Austria, ha trovato che chi segue diete prettamente vegane-vegetariane, ha maggiori possibilità di soffrire di malattie psicologiche come l'ansia, la depressione e le allergie molto più rispetto agli onnivori. 

Ovviamente adesso chi ha adottato questo tipo di diete parlerà di complotto anti cambiamento o scelleratezze simili, ma sta di fatto che si tratta di prove scientifiche che vanno a confutare o meglio dire a completare il quadro generale relativo alle diete senza proteine animali.

FONTI: